La seconda vita del rifiuto

LA SECONDA VITA DEL RIFIUTO: IL COOU AL PERCORSO ESPOSITIVO DI LUCCA

Fino al 29 maggio il Palazzo Ducale della città di Lucca presterà i suoi ambienti alla mostra “Rifiuto/Riciclo: differenziare, perché”.

Il percorso espositivo, patrocinato dall’assessorato alle politiche ambientali della Provincia di Lucca, offre ai visitatori la possibilità di scoprire le potenzialità dei rifiuti come risorse e ospita anche il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati. Accanto ai rifiuti più comuni o di provenienza domestica come carta, cartone, vetro, legno, plastica e alluminio, anche l’olio lubrificante usato, che proviene dai motori ed è pericoloso per l’ambiente e per la salute umana, può essere recuperato e riutilizzato.

Il Consorzio, infatti, dal 1984 anni raccoglie l’olio usato e lo avvia a smaltimento tramite combustione oppure lo rigenera, utilizzandolo così come risorsa energetica (combustibile per i cementifici autorizzati) ed economica (nuovo olio base risparmiato dall’importazione di petrolio). Come spiegano i pannelli e il materiale informativo in mostra al Palazzo Ducale, grazie alla rete di raccolta di A.N.CO. (Associazione Nazionale Concessionari Consorzi) e agli impianti di Viscolube (leader europeo nella rigenerazione di olio usato), in più di 27 anni sono state raccolte oltre 4,53 milioni di tonnellate di olio lubrificante usato.

Conoscere la raccolta differenziata e il corretto smaltimento dei rifiuti aiuta i cittadini a sentirsi più responsabili verso l’ambiente in cui vivono e a valorizzare i benefici ambientali ed economici di cui diventano promotori. Anche per questo il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati offre agli alunni e agli insegnanti di tutta Italia un progetto per conoscere e rispettare l’ambiente: Scuola Web Ambiente (SWA). In occasione del Percorso Espositivo, il progetto SWA è stato presentato ai ragazzi e agli adulti in visita ed è stato spiegato loro come aderire con la propria classe.